Individuazione
Trimestrale di psicologia analitica e filosofia sperimentale a cura dell'Associazione GEA
Direttore : Dott. Ada Cortese
Via Palestro 19/8 - 16122 Genova - Tel. 010-888822 Cell 3395407999

Home Anno 4° N° 14
Dicembre 1995 Pag. 5° Laura Ottonello

Laura Ottonello

 RELAX 

"SI CRESCE DAVVERO LA PRIMA VOLTA CHE SI RIDE DI SE STESSI...

L'ironia, ingrediente importante dell'intelligenza.

Lo psicanalista:
è un individuo che per risolvere i propri problemi si finge capace di risolvere quelli altrui.

Lo psichiatra:
è un uomo che va alle Folies Bergères e guarda il pubblico.

Lo psicologo:
è chi vi fa, a caro prezzo, tutte le domande che vostra moglie vi fa per niente.

Autoanalisi
Si sono registrati solo due casi di autoanalisi nella storia:
il primo fu quando Freud si autoanalizzò
solo soletto,
e aveva le sue ragioni.
Il secondo caso
si è verificato
ottant’anni dopo, allorchè un celebre
analista milanese ha fatto distendere i suoi pazienti sul sedile posteriore della sua Lancia Thema.

Inconscio:
E’ un luogo.
Là precipita il rimosso, là si rifugia, si condensa, si fissa.
In una parola, l’inconscio rimuove per voi. Ditegli di smettere.

Conflitto:
Quando non riesco ad affrontare un problema
vorrei scappare lontano. Poi resto.
Non so se là c'è la televisione.

Edipo: Storia di un giovane d’ottima famiglia greca che,
avendo inavvertitamente fatto fuori suo padre
e avendo, per sbaglio, fatto due figli con
sua madre,
si accecò per non assistere più allo
spettacolo.
Questa banale
avventura,
che si perde nella notte dei tempi,
continua a complessare il mondo intero.

Resistenza: Attitudine che consiste, per esempio,
nel credere che la storia qui sopra non vi riguarda affatto.

Autoconsapevolezza:
Sono bello,
sono forte,
sono intelligente,
sono buono.
E l'ho scoperto
tutto da solo.

Criteri di un’analisi riuscita
E’ quando potete dire:
- Non posso ancora andare al cinema da solo
   ma me ne assumo la responsabilità.
- Posso indossare un vestito a righe e pois.
- Adesso mangio il formaggio.
- Nella religione c’è qualcosa di buono.
- Il cambiamento non esiste.
- Sono uno psicoanalista.

Criteri di un’analisi fallita
E’ quando si dice:
- Sono uno psicoanalista.
- Il cambiamento non esiste.
- Nella religione c’è qualcosa di buono.
- Adesso mangio il formaggio.
- Posso indossare un vestito a righe e pois.
- Non posso ancora andare al cinema da solo
   ma me ne assumo la responsabilità.

Luoghi comuni sull'analisi:

"Fa divorziare." Questo è certo, ma non è ragione sufficiente per buttarvi nell’analisi.

"Vi fa perdere la vostra originalità."
Sappiate che l’originale della vostra vecchia nevrosi
è già stato tirato in ventidue milioni e mezzo di copie.

"Non è detto che funzioni e poi è troppo lunga."
Conoscete qualcosa di lungo, di buono e che, in più,
funzioni tutte le volte?

"Fa diventare ciechi."
Vi state confondendo con qualche altra cosa.

Tre ebree di New York parlano dei loro figli.
Dice Sarah: "Sapete che mio figlio David ogni sabato mi porta un regalo costosissimo?" Rincara Hannah: "E mio figlio Samuel? Viene a trovarmi quasi tutte le sere pur avendo una sua famiglia." Rachel le zittisce: "Pensate che il mio Moishe va quattro volte alla settimana dal più famoso psicoanalista di New York a parlare della sua mamma!"

Tratte da:
"Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano" Baldini; "Guarir dal ridere" Cortina; "Come scegliere il vostro psicoanalista" Cortina; "Psicoanalista nevrotico" Ferro.


Laura Ottonello


 HOME     TOP   
Tutti i diritti sui testi qui consultabili
sono di esclusiva proprieta' dell'Associazione G.E.A. e dei rispettivi Autori.
Per qualsiasi utilizzo, anche non commerciale,
si prega prima di contattarci:

Associazione GEA
GENOVA - Via Palestro 19/8 - Tel. 339 5407999