Individuazione
Trimestrale di psicologia analitica e filosofia sperimentale a cura dell'Associazione G.E.A.
Direttore : Dott. Ada Cortese
Via Palestro 19/8 - 16122 Genova - Tel. 010-888822 Cell 3395407999

Home Anno 10 N 36
Giugno 2001 Pag. 6 Laura Ottonello


Laura Ottonello

 COMIX 

E' SEMPLICE RENDERE LE COSE COMPLICATE

..Ma difficile renderle semplici

Una volta il medico era come un cecchino:
al massimo ne faceva fuori uno alla volta.
Poi è arrivata la Mutua ed è come se gli avessero messo in mano una mitragliatrice.
Una strage!
(Oreste Lionello)

Il cloroformio ha permesso a qualsiasi incapace di fare il chirurgo.
(G. Bernard Shaw)

La medicina antica non potendo curare i malati
si accontentava di resuscitare i morti.
(Jean Charles)

Se il mio dottore mi dicesse che mi rimangono solo sei minuti da vivere, non ci rimuginerei sopra. Batterei a macchina un po' più veloce.
(Isaac Asimov)

L'agopuntura è una cosa ottima.
Avete mai visto un porcospino ammalato?
(Boris Makaresko)

I dottori hanno fatto tutto quello che hanno potuto, ma nonostante questo sono ancora vivo.
(Ashleigh Breant)

Il dottore si era innamorato di una delle sue pazienti. Poco male, il fatto è che era veterinario.
(Makaresko-Trani)

Ci sono due tipi di cerotti: quelli che non attaccano e quelli che non vengono più via.
(Artur Bloch, terza legge di Telesco)

Non sarai mai solo con la schizofrenia.
(Spilla inglese, 1983)

Un medicinale è una sostanza che quando viene iniettata in una cavia produce un articolo scientifico.
(Citato in "The Wit of Medicine")

Mai andare da un dottore le cui piante d'ufficio sono morte.
(Erma Bombeck)

Un uomo è andato da un dottore che gli ha dato sei mesi di vita.
Ma l'uomo non era in grado di pagare, così il medico gli ha dato altri sei mesi.
(Milton Berle)

"Dottore, ogni notte mi sogno una porta con una grande targa, ma grande, grande.
E spingo e spingo e sudo e sudo e sudo ma non riesco ad aprirla..." "Ma che c'è scritto sulla targa?" "Tirare...".
(I Trettrè)

Gli animali non sono stupidi come si crede: non hanno nè dottori, nè avvocati.
(L. Doquier)

La sanità è malata e io ne so qualcosa.
Il mese scorso ho portato mia figlia in ospedale e al termine dell'intervento ho chiesto al professore: "Com'è andata l'operazione?" Lui allora mi ha guardato e mi ha detto: "Operazione? Ma come, non era un'autopsia?".
(Daniele Luttazzi)

Anche i morti invecchiano.
(Alessandro Morandotti)

Le angosce sono come le malattie, vanno accettate:
la cosa peggiore che si possa fare è di ribellarvisi contro.
(Ludwig Wittgenstein)

Io del giornale leggo sempre i necrologi e i cinema.
Se è morto qualcuno che conosco vado al funerale.
Se no vado al cinema.
(Walter Valdi)

"Stai sanguinando!" "No, non ne ho il tempo.".
(Arnold Schwarzenegger, nel film Predator)

Un'implosione è tutto il contrario di un'esplosione, per cui l'esatto termine scientifico per definirla è: moob.
(Antonello Commisso)

Stanco dell'infinitamente piccolo e dell'infinitamente grande, lo scienziato si dedicò all'infinitamente medio.
(Ennio Flaiano)

Se ha le labbra infuocate e trema fra le tue braccia, lasciala.
E' segno che ha la malaria.
(G. Bernard Shaw)

Il coperchio della bara è disadorno dal lato dell'utente.
(Stanislw J. Lec)

La morte è ciò che fino a ora la vita ha inventato di più solido.
(Emile M. Cioran)

Uno dei vantaggi del piacere sul dolore è che al piacere puoi dire basta, al dolore non puoi.
(Ugo Ojetti)

Epidemia:
malattia a tendenza sociale e assolutamente sgombra da pregiudizi.
(Ambrose Bierce)

"Disertore" può chiamarsi il suicida.
(Carlo Dossi)

La malattia è un potente stimolante.
Solo che si deve essere abbastanza sani per lo stimolante.
(Friedrich Nietzsche)

I microscopi e i telescopi, in realtà, confondono il limpido buonsenso.
(Johann W. Goethe)

Gli uomini, non avendo potuto guarire la morte, la miseria e l'ignoranza, hanno risolto, per vivere felici, di non pensarci.
(Blaise Pascal)

Il medico saggio deve essere esperto tanto per prescrivere un rimedio quanto per non prescrivere nulla.
(Baltasar Gracian)

Nella mia scuola c'erano dei servizi igienici così sporchi che nelle docce le verruche camminavano con le ciabatte.
(I Soliti Ignoti)


Laura Ottonello


 HOME     TOP   
Tutti i diritti sui testi qui consultabili
sono di esclusiva proprieta' dell'Associazione G.E.A. e dei rispettivi Autori.
Per qualsiasi utilizzo, anche non commerciale,
si prega prima di contattarci:

Associazione GEA
GENOVA - Via Palestro 19/8 - Tel. 339 5407999